Miei articoli su LivornoSera.it:

23 LUGLIO 2021 - MONOLOGO "FACCE DI LIBECCIO" DI CLAUDIO MONTELEONE

Estratto:

“Tagliagole è il soprannome terribile e beffardo – dice l’attore e regista - di un'anima da sognatore in un fisico segnato dagli acciacchi e dalle miserie”. La povertà, il mare, quel vento, il libeccio, che “soffia forte, scompigliando caratteri, suoni, colori, odori” e un vestiario fatto di stracci, mi hanno fatto entrare, mentre stavo ad ascoltare rapito, nel primo Periodo di Picasso, quello Blu. È, come si potrebbe dire per la vita di questo "miserabile" uomo, un periodo cupo, dove i soggetti rappresentati sono i poveri, gli anziani, coloro, insomma, che hanno abbandonato le speranze nei confronti della vita pur rimanendo estremamente dignitosi...


CLICCA L'IMMAGINE PER ARTICOLO COMPLETO

16 LUGLIO 2021 - SPETTACOLO "AUGENBLICK" DEI MAYOR VON FRINZIUS

Estratto:

Ma il sogno alterna momenti di riflessione ad attimi leggeri, quasi fuori dal senso, fino alla seminudità dei corpi, che nello scendere al girone infernale, muovendosi lenti e compatti come un serpente, trascendono la moltitudine di significati del gesto, la moltitudine di piccole, o immense, vittorie di ognuno di essere lì in quel preciso momento a urlare la propria presenza, ognuno nella propria incompiutezza di essere umano (Sartre) ma che con un semplice telo bianco e una folla di mani, teste e corpi in movimento, può arrivare a sfidare la kantiana sublime visione di un mare in tempesta.


CLICCA L'IMMAGINE PER ARTICOLO COMPLETO

9 LUGLIO 2021 - FIRME A LIVORNO PER EUTANASIA LEGALE 

Estratto:

Dal 2006, in Italia, è possibile ricorrere all’eutanasia passiva, ovvero lo stop delle terapie nel caso in cui venga accertata una forma di accanimento terapeutico ma questo porta ad un travaglio lunghissimo ed estremamente doloroso.

Grazie alla disobbedienza civile, portata avanti da Marco Cappato e Mina Welby, dall’Associazione Luca Coscioni, e molte altre realtà, con la sentenza 242/2019, della Corte Costituzionale, in determinate condizioni si può ricorrere al suicidio assistito, ma questo è stato “soltanto” un altro passo in attesa di una legge, perché la sentenza da sola non può bastare: i malati non possono aspettare i tempi della burocrazia.

CLICCA L'IMMAGINE PER ARTICOLO COMPLETO